Tortellini di Modena: un prodotto leggendario

Tortellini di Modena: un prodotto leggendario
tortellini di modena

TORTELLINI DI MODENA

Tortellini di Modena: un prodotto leggendario.

La parola “tortellino” deriva dalla parola torta e si ricollega al movimento di piegatura della pasta sfoglia attorno al ripieno. Le origini del tortellino sono molto antiche e risalgono a quando i ceti meno abbienti riciclavano la carne avanzata dalle tavole dei nobili.

Nel secolo XV° si descrive il ripieno dei tortellini e si fa riferimento alla carne. Il tortellino, ai giorni d’oggi, risulta molto famoso con varianti regionali in tutta italia. Famosissimi sono i tortellini di Verona con ripieno di maiale, manzo, aromi e vino bardolino.

Nelle Marche e nell’Emilia Romagna, è diffusa la variante del tortellino chiamato “cappelletto”. E’ un pò più grande del tortellino e il ripieno, oltre che di carne, può essere anche di ricotta.

Esiste anche il “cappellaccio” ancora più grande del tortellino e del cappelletto con ripieno di zucca, ricotta ed amaretti. A Bologna e Modena esiste la variante con gli spinaci con la sfoglia di colore verde.

LA LEGGENDA

Secondo alcune teorie, il tortellino nasce a Castelfranco Emilia, per mano del titolare di una locanda. La storia del tortellino risale al medioevo. Nei ricettari del 1500 si parla di tortellini e cappelletti. Oggi, a Bologna, il connubio tra tortellini e brodo è molto stretto tanto che non è possibile immaginarli uno lontano dall’altro.

Nel 1790 nasce la prima ricetta dei tortellini alla Bolognese.

I tortellini di Modena rappresentano un prodotto tipico italiano utilizzato da molti chef anche rinomati e stellati.

Lo staff di Notizieonline.

 

 

 

Lascia un commento

Chiudi il menu

Il sito utilizza cookies, anche di terze parti. Cliccando su ACCETTA, acconsenti all’uso dei cookies. Per negare il consenso, clicca RIFIUTA. — Policy privacyInformativa cookies