Il freddo: può provocare raffreddori ed infezioni

Il freddo: può provocare raffreddori ed infezioni
il freddo

IL FREDDO

Il freddo: può provocare raffreddori ed infezioni.

Con l’arrivo della stagione invernale, all’interno delle farmacie, il consiglio più comune diventa monotematico: sciroppi per la tosse, caramelle per la gola, propoli e prodotti omeopatici per ridurre le infiammazioni.

La domanda che tutti pongono al farmacista è pertanto: dottore è il freddo che mi fa ammalare? La risposta corretta è che il freddo è causa indiretta dei nostri malanni di stagione quali il raffreddore e le infezioni varie.

Per quale motivo, allora, ci si ammala così frequentemente d’inverno? Molti sono convinti che il freddo, l’umidità e le piogge invernali sono le cause del minore funzionamento del sistema immunitario. In realtà, non è così, ed è stato ampiamente dimostrato.

Il freddo, costringe tutti, infatti, ad avere comportamenti anomali quali: stare vicini in ambienti caldi ed umidi dove vi è poco riciclo d’aria e si agevola la diffusione di virus e batteri, con conseguente trasmissione degli stessi attraverso il contatto fisico. In agguato l’influenza e altre malattie.

I CONSIGLI DEL FARMACISTA

Di seguito i consigli del farmacista di fiducia, utili, infatti, per proteggersi dai malanni tipici della stagione fredda:

  • regolare la temperatura degli ambienti interni che deve essere costante e compresa tra i 19°-22°;
  • stare attenti agli sbalzi di temperatura nei passaggi dagli ambienti interni ed esterni;
  • stare attenti al grado di umidità degli ambienti (per questo motivo gli stessi vanno areati periodicamente;
  • assumere bevande e cibi caldi evitando l’assunzione di alcolici che agevolano la dispersione di calore corporea;

E’ importante chiedere al farmacista l’indicazione degli integratori più adatti a prevenire i malanni di stagione.

Notizie Online.

 

 

Lascia un commento

Chiudi il menu

Il sito utilizza cookies, anche di terze parti. Cliccando su ACCETTA, acconsenti all’uso dei cookies. Per negare il consenso, clicca RIFIUTA. — Policy privacyInformativa cookies