Come scegliere un provider di web hosting

Come scegliere un provider di web hosting
come scegliere un provider

Il PROVIDER DI HOSTING

Come scegliere un provider di hosting si riduce a tre fattori importanti: velocità, supporto e sicurezza.

Cosa è importante in un provider di hosting?

Il grande hosting si riduce alle 3 S: velocità, supporto e sicurezza.

I servizi di hosting sono disponibili in una vasta gamma di prezzi che vanno da pochi euro al mese a migliaia di euro. Se sei una piccola impresa che inizia, probabilmente puoi fare abbastanza bene con un cloud, un server privato virtuale o un servizio gestito che va da euro 10 a euro 100 al mese.

Leggi: Miglior hosting provider: quale scegliere e quanto costa?

Ecco uno sguardo a ciò che gli esperti consigliano di considerare quando si sceglie un provider di hosting.

Decidi in base al servizio clienti

Come scegliere un provider: il servizio clienti di base fornisce l’accesso a e-mail, ticket e supporto telefonico. I tempi di risposta alle richieste, tuttavia, variano. Alcuni fornitori offrono anche supporto telefonico 24 ore su 24. Il fattore limitante al servizio non gestito è che, sebbene un fornitore possa rispondere a domande sulla configurazione di base, non sarà il tuo gestore di sistemi.

Se vuoi delegare completamente la gestione del tuo sito, allora vuoi considerare il servizio gestito. I fornitori di servizi gestiti si assicureranno che il tuo sistema sia configurato correttamente per il tuo carico, terrà d’occhio i problemi di sicurezza, applicherà le patch al software secondo necessità e gestirà i backup tra le altre attività.

Stima la quantità di traffico che ti aspetti (e sii onesto con te stesso). I provider di hosting generalmente addebitano in base allo spazio di archiviazione e all’utilizzo della larghezza di banda. La larghezza di banda è una misura di quanti byte servi in ​​un dato periodo. Se ti aspetti che solo poche persone visitino il tuo sito, la larghezza di banda sarà bassa. Ma se improvvisamente ti trovi in ​​cima a Google o il tuo prodotto diventa virale, puoi aspettarti che i requisiti di larghezza di banda aumentino.

Finché sei onesto con te stesso, non c’è molto rischio. Ad esempio, se prevedi di servire solo poche pagine a pochi clienti locali, non incorrerai mai in alcun limite. Ma se sai che stai davvero costruendo un sito che stresserà i server condivisi di fascia bassa, assicurati di scegliere un server dedicato o basato su cloud.

Comprendi i tipi di server

L’hosting molto più economico è disponibile su server condivisi, dove un box può eseguire centinaia di siti Web. Le prestazioni del tuo sito dipendono dal carico che tutti gli altri siti stanno mettendo sull’host. L’hosting condiviso limita anche il tuo accesso alle capacità del server, generalmente limitandoti al caricamento di file tramite FTP o SFTP, impedendo l’accesso alla shell, limitando i programmi che puoi eseguire sul servizio e limitando la quantità di accesso al database che il tuo sito può eseguire.

Il livello successivo è VPS (per server privato virtuale), che è un’istanza completa di una macchina virtuale (un computer simulato) in esecuzione. Di solito, i provider di hosting eseguono molte istanze VPS su una scatola, ma le prestazioni sono quasi sempre migliori dei servizi condivisi di livello base. Se utilizzi un VPS, dovresti avere familiarità con la manutenzione e la gestione di base del server.

Se non vuoi condividere le prestazioni con altri siti, considera un server dedicato, una scatola fisica che ti viene affittata. È come avere un server seduto dietro la scrivania, tranne che si trova nel data center di un fornitore di servizi. Solo quelli con capacità di gestione del sistema devono candidarsi.

I server cloud potrebbero essere una scelta migliore. Di solito vengono eseguiti sui giganteschi cloud pubblici, come Amazon Web Services o Microsoft Azure. I fornitori di servizi possono creare qualsiasi configurazione si adatti alle esigenze dei loro clienti. Il grande vantaggio dei server cloud è che puoi scalare senza problemi. Se devi essere in grado di gestire questa grande ondata di traffico, paga semplicemente più soldi al tuo provider. Niente deve essere spostato o ricostruito.

Diffida delle offerte illimitate

Alcuni provider di hosting offrono il cosiddetto spazio di archiviazione illimitato e larghezza di banda per pochi euro al mese. Questo accordo spesso non è quello che sembra. Se paghi tre euro al mese per l’hosting, probabilmente ci sarà qualcosa nei tuoi termini di servizio che consentirà al tuo provider di hosting di limitare le tue prestazioni o di spegnerti dopo un certo livello di utilizzo.

Notizie Online.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Il sito utilizza cookies, anche di terze parti. Cliccando su ACCETTA, acconsenti all’uso dei cookies. Per negare il consenso, clicca RIFIUTA. — Policy privacyInformativa cookies